Ababo Docenti

Prof. Daniela “Sissi” Olivieri

La ricerca artistica include un’ampia gamma di media, tra cui la performance, la scultura, la pittura e l’installazione, ma sempre radicate nel disegno per rendere tangibile l’idea di un corpo in perpetua metamorfosi.
Attratta dalla profondità filosofica dell’esistenza ispeziona tutto ciò che si nasconde sotto la superficie delle cose, un’esplorazione della forma tangibile nella manualità che diventa quasi una dimensione introspettiva del fare e nel linguaggio multidisciplinare che si fa concreto di fronte alle contingenze sociali del dubbio.
Le costanti sono la metodologia che funziona per categorie tassonomiche, così evidente nei suoi archivi e nei diari, e il segno materico che si incarna, di volta in volta, nelle sculture e nelle installazioni, o, negli abiti creati per le performance.

Ha esposto le sue opere in numerose mostre personali e collettive in Italia e all’estero, tra cui:
Vestimenti, a cura di Antonio Grulli, Palazzo Bentivoglio, Bologna (IT); Anatomie Sublimi, Palazzo dell’Esposizioni, Roma (2019); S. Arcangelo Festival, S. Arcangelo (2018); Porto Marghera100, Palazzo Ducale, Venezia (2017); Partibi Roma Nihil, Musei Fori Imperiali, Roma (2016); Motivi Ossei, Galleria D’Arte Maggiore, Bologna (2016); Istinti-Estinti, Galleria Tiziana DiCaro, Napoli,(2016); MAMbo e Musei Civici d’Arte Antica – Istituzione Bologna Musei, Bologna (2015); Fondazione Volume!, Musee d’Art Moderne et Contemporain; (Saint Etienne Metropole,(2015); Lezioni d’italiano, The Old Operating Theatre, London (2013); Aike Dellarco Gallery, Shanghai (2013); Museo del 900, Milano (2013); Fondazione Volume, Roma (2012); Museo d’Arte Contemporanea, Zagabria (2012); Turku Biennal, Turku (2011); Tate Modern, London (2011); Fondazione Pomodoro, Milano (2010); Padiglione Italia, 53ma Biennale di Venezia (2009); Mizuma Gallery, Tokyo (2008); Quadriennale di Roma (2008); Global Feminism, Brooklyn Museum, New York (2007); Chelsea Art Museum, New York (2006); Neue Galerie am Landesmuseum Joanneum, Graz (2003); W139 Amsterdam, Smak, Gent (2003); MoCA, Miami (2001).
Nel 2012 vince il Gotham Prize; nel 2006 le assegnano la borsa di studio dell’American Academy in Rome; nel 2005 si aggiudica il Premio New York del Ministero degli Affari Esteri; nel 2003 la Gam di Bologna le conferisce il Premio Alinovi; vince il Premio Furla per l’Arte nel 2002.
Nel 2008 è entrata a far parte del programma di residenze del Tokyo Wonder Site - Tokyo Metropolitan Foundation for History and Culture e nel 2004 come artista in residenza presso la Neue Galerie am Landesmuseum Joanneum a Graz.
Ha attivamente collaborato con aziende come Furla, per il progetto Furla & I e Candybrissima Show a cura della Fondazione Furla dal 2010 al 2013, e nel 2012 con Elica per il progetto Aspiranti Aspiratori, a cura della Fondazione Ermanno Casoli.

Insegna in ABABO:
Laboratorio di tecniche espressive integrate

L’obiettivo del corso è quello di portare gli studenti a comprendere i processi del fare arte e l`acquisizione di come una poetica artistica puo`essere trasmessa attraverso un elaborato scultoreo, un’installazione, un abito o in un’azione performativa.

Vai al dettaglio