Ababo In primo piano
Paul Klee. Genio e regolatezza

Paul Klee. Genio e regolatezza

Presentazione del libro con l'autore Gregorio Botta in dialogo con Anna Ottani Cavina

Giovedì 15 dicembre alle ore 17.30, l’Aula Magna dell’Accademia di Belle Arti di Bologna ospita la presentazione del libro Paul Klee. Genio e regolatezza (Editori Laterza, 2022) con l'autore Gregorio Botta, in dialogo con la storica dell'arte Anna Ottani Cavina (Università di Bologna e Johns Hopkins University). Modera l'incontro il curatore e docente Davide Ferri
 
Chi era davvero Paul Klee? Questo libro indaga il mistero di uno degli artisti più importanti e amati del Novecento, genio dotato di molti doni. Si occupò di musica e poesia ma è con la pittura che ha cambiato la storia dell’arte, dipingendo circa diecimila opere, sperimentando, creando nuove tecniche, usando linguaggi diversi, reinventandosi sempre, dominato da una potente ispirazione e da un’inesauribile furia creatrice, che ha saputo regolare ed educare con la più metodica delle vite: un caso molto raro tra i suoi colleghi artisti. 
Artista astratto e figurativo, è stato chiamato post-cubista, surrealista, espressionista, anche se nessuna definizione è mai riuscito a racchiuderlo. Attraverso i suoi Diari e i densi scritti teorici che ha lasciato, Gregorio Botta ricostruisce e intreccia la formazione di un uomo e la nascita di un’estetica che ha segnato il secolo, anche grazie a un ricco apparato iconografico a colori.
 
Gregorio Botta (Napoli, 1953) è artista visivo ed è stato vicedirettore de “la Repubblica”. Diplomato all’Accademia di Belle Arti di Roma, ha esposto in numerose gallerie italiane e straniere e sue opere sono nelle collezioni della Galleria Nazionale e del Maxxi di Roma, del Mart di Rovereto e del Madre di Napoli. Nel 2020 la Galleria Nazionale ha allestito la sua personale Just Measuring Unconsciousness. Ha scritto Pollock e Rothko. Il gesto e il respiro (Einaudi 2020).
 
Incontro aperto al pubblico – fino a esaurimento dei posti disponibili – senza prenotazione.


Aula Magna / Accademia di Belle Arti di Bologna