Ababo Docenti

Prof. Elisa Tranfaglia

Architetto, esercita la libera professione dal 2007 dopo aver conseguito la laurea in architettura presso lo IUAV Istituto Universitario di Architettura di Venezia. Approfondisce competenze quali quelle della progettazione architettonica, interior design, exhibition design, graphic design ed event management.

Prende parte alla redazione di concorsi di progettazione nazionali e internazionali. Lavora per la Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici dell'Emilia Romagna alla progettazione dell'intervento di restauro e rifunzionalizzazione del nuovo polo del Ministero a Bologna.

Collabora a progetti di ricerca per la valorizzazione dei beni culturali e cura l'allestimenti di fiere nazionali e internazionali. Ha ideato e curato, fra gli altri, l'allestimento del nuovo Museo Multimediale dell'Autodromo di Imola, il nuovo Museo del Risorgimento di Lucca e la ristrutturazione della Sala Teatrale Biagi D'Antona di Castel Maggiore, oltre a diverse mostre temporanee e numerosi festival e progetti di exhibit design internazionali. Si occupa di ristrutturazione e riqualificazione urbana intervenendo sul tessuto esistente e favorendo un accento contemporaneo sugli interventi messi in atto.  

Si specializza in gare d'appalto e direzione lavori per committenze pubbliche.

È docente di ruolo all'Accademia delle Belle Arti di Bologna e relatrice di tesi di laurea di approfondimento sul tema della comunicazione, dell'allestimento e dell'arte dal 2013. Nel 2018 è socio fondatore di Ocra srl – Officina creativa di architettura con sede a Bologna (www.officinacreativaarchitettura.it).

Insegna in ABABO:
Storia dell’architettura contemporanea
Urban Design

Le lezioni saranno caratterizzate da una parte teorica e una pratica di laboratorio di progettazione.

 

Vai al dettaglio 
Storia dell’architettura e dell’urbanistica

L’uomo è sempre un produttore di cultura: produce artificialità, costruisce il mondo costruendo sé stesso. L’architettura è parte essenziale di questa artificialità.

Roberto Masiero, Estetica dell'architettura 

Vai al dettaglio