Ababo Agenda
Metamorfica

Metamorfica

personale di Federica Avallone

Metamorfica è una personale di Federica Avallone a cura di Gabriele Lamberti e Marco Tosa. L'artista in dieci lavori di piccole dimensioni esplora l’universo sconfinato dell’ibridazione fra la figura umana e quella degli animali o delle altre forme viventi in natura. Mediante tecniche diverse che vanno dal disegno su carta al fotoritocco digitale, Federica Avallone presenta una propria originale poetica e una vivace curiosità nell’affrontare figure e tematiche anche lontane fra loro ma accomunate e contraddistinte da un segno sempre fortemente espressivo, sintetico e già spiccatamente personale e riconoscibile.
Con questa mostra,che inaugura venerdì 27 gennaio alle ore 17.00, si intende dare continuità a un progetto di apertura del Museo delle Bambole di Bologna all’arte contemporanea (già iniziato in occasione di Open Tour 2022, promosso dall’Accademia di Belle Arti di Bologna) e di inserire il Museo nel circuito degli spazi cittadini deputati all’attività espositiva del patrimonio culturale (in questo caso la Collezione di bambole storiche Marie Paule Védrine Andolfatto) collegato all’arte contemporanea.
In particolare, per la caratteristica del suo spazio, il Museo si pone come luogo idoneo alle proposte di giovani artisti emergenti, spesso ancora studenti di Ababo, che utilizzano il formato ridotto del disegno, della stampa calcografica o del progetto di piccole dimensioni.

 

Federica Avallone è nata nel 1995 a Napoli, dove si è laureata in Lingue e Letterature Straniere. Attualmente studia Illustrazione per l’Editoria all’Accademia di Belle Arti di Bologna. Approccia al disegno e all’illustrazione da autodidatta, “rubando quel che posso da ciò che mi circonda in un gioco continuo di ricerca” come dice di sé. Centrale nel suo lavoro la presenza del corpo, mezzo con cui facciamo esperienza della vita e che di questa esperienza diviene specchio. Un corpo che assume, per questa sua capacità “metamorfica”, i connotati di un mondo visibile, naturale, animale e che si fa ponte verso nuovi significati e possibilità. Tutto ciò che muta
serba in sé il segreto dell’inizio e della fine.

 

Necessaria la prenotazione al seguente numero 051 4845740, lasciando un messaggio di prenotazione e un numero di telefono per essere ricontattati oppure chiamando al 3494589952 info@ilmuseodellebambole.com

 

Museo delle Bambole di Bologna, Via Riva di Reno, 79

Dal 27 gennaio al 2 aprile 2023