Ababo Docenti

Prof. Rosita Bernardo

Nasce a Mirano (VE), il 10 ottobre del 1969.

Conseguita la maturità artistica, si iscrive all'Accademia di Belle Arti di Venezia, indirizzo Pittura.

Nei suoi anni di formazione accademica, fondamentale per lei sarà l'incontro con il docente di Anatomia Artistica Alberto Lolli, che la porterà ad approfondire la sua naturale predisposizione al disegno della figura.

Diplomata nel 1991 con lode per i suoi studi anatomici e di nudo, collabora per alcuni anni con una stamperia calcografica veneziana, affinando le tecniche incisorie e della stampa originale.

Nel 1992 inizia il suo percorso professionale di docente nelle Accademie di Belle Arti, insegnerà quindi Anatomia Artistica a Venezia, Bologna, L’Aquila, Torino.

Vincitrice di concorso per Discipline pittoriche e Disegno e storia dell’arte ed Educazione Artistica e vincitrice di concorso per Anatomia artistica e Tecniche dell’Incisione; nel 2002 entra in ruolo all’Accademia di Belle arti di Firenze, ove insegnerà fino al suo trasferimento nel 2016 all’Accademia di Belle arti di Bologna.

La sua attività artistico/professionale si sviluppa nell’ambito dell’Incisione originale.

Insegna in ABABO:
Anatomia artistica

Tra gli obiettivi del corso di Anatomia artistica, pensato per gli iscritti al Triennio di Scultura, vi è l’acquisizione di un metodo di lavoro e di indagine grafica che sia, nelle sue accezioni poetiche ed espressive, coerente alla comprensione anatomica. Attraverso l’analisi strutturale del corpo umano, lo studente sarà avviato in autonomia a declinare tali competenze nei campi propri dell’elaborazione scultorea, sia essa figurativa o non, in quanto avrà la necessaria consapevolezza di come procedere con originalità in rielaborazioni e trasformazioni grafico/progettuali.

Vai al dettaglio 
Disegno per la scultura

Tra gli obiettivi del corso, vi è l’acquisizione di una “autonomia di lettura” del corpo umano, in modo che si costituiscano competenze di base che consentano poi rielaborazioni e approfondimenti di natura anatomica.

Inoltre si vuole educare lo studente alla conoscenza e graduale acquisizione del linguaggio del disegno, all’approfondimento degli aspetti peculiari, morfologici, in modo tale da condurlo a comprenderne le potenzialità progettuali nonché espressive e di sperimentazione.

Vai al dettaglio