Ababo Insegnamenti

Scrittura creativa e narrazione per immagini II

Il corso cerca di mettere a fuoco il filtro della propria interiorità sulla storia.

Programma

Partendo dalle nozioni e la metodologia interiorizzata durante il secondo anno di corso, si approfondirà il tema alla base del soggetto, fino allo sviluppo del trattamento e una sceneggiatura che sia sufficientemente solida per mantenere le redini della storia, ma anche aperta per assorbire le aperture del disegno e della forza delle immagini.

Che si tratti di scrittura di matrice autobiografica o di totale finzione, ciò che sarà privilegiato è l’indagine della realtà attraverso un’immedesimazione nei personaggi e nelle situazioni che possa trascendere i cliché narrativi dei generi letterari, e preferire invece un’interpretazione personale del vissuto, della visione di ambienti e dei rapporti causa effetto della struttura drammatica.

Modalità didattica

Gli incontri alternano lezioni frontali a sessioni di laboratorio con confronto collettivo e individuale. Parte centrale del corso sarà il confronto in classe in cui cercare reazioni, dove di volta in volta come autori o fruitori degli spunti dei compagni, si possa attingere alle proprie verità sul narrato.

L’obiettivo è quello di uscire dalla propria stanzetta immaginativa, e verificare in diretta le potenziali “luminescenze” o i limiti oggettivi della comunicatività della storia.

Modalità di verifica e valutazione

L'esame prevede la realizzazione di un racconto breve di cui viene chiesto soggetto, storyboard e almeno una tavola definitiva.

La valutazione si basa su criteri relativi agli obiettivi del corso e le specificità di un buon racconto breve.

Bibliografia

Testi di Flannery O’Connor, John Gardner, Raymond Carver, Peter Bichsel, Wim Wenders, Julio Cortazar, Jonathan Franzen, ecc.

Una bibliografia più dettagliata verrà fornita durante il corso.