Ababo Insegnamenti

Anatomia artistica

Tra gli obiettivi del corso di Anatomia artistica, pensato per gli iscritti al Triennio di Scultura, vi è l’acquisizione di un metodo di lavoro e di indagine grafica che sia, nelle sue accezioni poetiche ed espressive, coerente alla comprensione anatomica. Attraverso l’analisi strutturale del corpo umano, lo studente sarà avviato in autonomia a declinare tali competenze nei campi propri dell’elaborazione scultorea, sia essa figurativa o non, in quanto avrà la necessaria consapevolezza di come procedere con originalità in rielaborazioni e trasformazioni grafico/progettuali.

Programma

Il corpo umano è una struttura “autoportante”, per sua natura predisposto al dinamismo e alla trasformazione pur considerando che ogni singola parte, trova nelle altre corrispondenza e senso costruttivo.

Argomenti trattati

  • Le proporzioni, i rapporti tra le parti e il tutto, le masse e il baricentro;
  • I punti di emersione scheletrica, l’evidenza scheletrica nella forma di insieme;
  • I punti di emersione scheletrica quali dispositivi meccanici/articolari;
  • I volumi muscoloscheletrici e il loro comportamento in statica e in dinamica;
  • L’applicazione della visione “stereometrica” e il corpo in relazione ai pieni e vuoti;
  • Comparazione tra il genere maschile e femminile, cenni antropometrici.
Modalità didattica

Le lezioni si svolgono in un laboratorio dove è possibile fare posare il modello vivente. Le lezioni si strutturano in una parte teorico/grafico esplicativa di introduzione alla quale segue una parte laboratoriale nella quale la docente fa approfondire agli iscritti, gli argomenti, graficamente con l’ausilio del modello vivente (maschile e femminile). Verranno programmate delle uscite museali per approfondire aspetti storici della disciplina.

Modalità di verifica e valutazione

Durante il semestre la docente fisserà due momenti di revisione individuale degli elaborati e una revisione collettiva di confronto. Al termine del semestre nell’ultima data utile la docente avvierà una prova scrittografica della durata di 6 ore. In questa prova, obbligatoria ai fini dell’esame finale, lo studente dovrà illustrare un argomento a scelta, con mezzi grafici e unitamente corredare, illustrare, tali argomenti con una parte testuale esplicativa. La prova si terrà con l’ausilio dei modelli viventi. L’esame conclusivo consiste nella valutazione di una cartella che dovrà contenere elaborati grafici inerenti agli argomenti svolti.

Bibliografia
  • A. Lolli, M. Zocchetta, R. Peretti, Struttura uomo. Manuale di anatomia artistica vol. 1, Vicenza, Neri Pozza, 1998
  • A. Lolli, M. Zocchetta, R. Peretti, Struttura uomo. Manuale di anatomia artistica. Il movimento: passo, corsa e salto vol. 2, Vicenza, Neri Pozza, 2001
  • A. Lolli, M. Zocchetta, R. Peretti, Struttura uomo in movimento. Manuale di anatomia artistica, Vicenza, Angelo Colla Editore, 2015
  • G. Bammes, Die gestalt des menschen, Dresden, VEB, Verlag der Kunst, 1991
  • W. Kahle, H. Leonardt, W. Platzer, Atlante tascabile di anatomia descrittiva Vol. 1 Apparato locomotore, Milano, Ambrosiana, 1987
  • A. e G. Morelli, Anatomie per gli artisti, Faenza, Fratelli Lega editore, 1977
  • A. Thompson, A handbook of anatomy for art students, New York, Dover, 1964
Testi consigliati
  • G. Civardi, Note di anatomia e raffigurazione, Cornaredo (MI), Il Castello, 2011
  • G. Civardi, Anatomia artistica. Anatomia e morfologia esterna del corpo umano, ed. Illustrata, Cornaredo (MI), Il Castello, 2011
  • A. Szunyoghy, Anatomia Scuola di disegno. Uomini/Animali/Anatomia comparata, Milano, Gribaudo, 2006